India (Tamil Nadu e Kerala)

Sede della civiltà della valle dell'Indo e regione di rotte commerciali storiche e di vasti imperi, il subcontinente indiano è stato identificato con il suo commercio e la ricchezza culturale per gran parte della sua lunga storia.

Quattro grandi religioni del mondo, l'Induismo, il Buddismo, il Giainismo e il Sikhismo, sono nate qui, mentre lo Zoroastrismo, l'Ebraismo, il Cristianesimo e l'Islam arrivarono entro il primo millennio d.C. dando forma nella regione a una grandissima diversità culturale. Gradualmente annessa alla Compagnia britannica delle Indie Orientali dai primi decenni del XVIII secolo e colonizzata dal Regno Unito dalla metà del XIX secolo, l'India è diventata un moderno Stato nazionale nel 1947, dopo una lotta per l'indipendenza che è stata caratterizzata da una diffusa resistenza non violenta guidata dal Mahatma Gandhi.


Gallerie immagini:   TAMIL NADU   KERALA


TAMIL NADU   ^

Mentre gli abitanti degli stati dell'India Settentrionale sono per lo più di razza ariana, lo stato meridionale del Tamil Nadu (bagnato dal golfo del Bengala) è la patria dell'antica civiltà dravidica, ricca di tradizioni religiose, letterarie, filosofiche ed artistiche, che ha mantenuto inalterato il proprio stile di vita.

Il Tamil Nadu possiede una delle culture più antiche e complesse del mondo, ed una delle caratteristiche dell'India Meridionale è proprio la "continuità culturale" consentita dal fatto che i Musulmani e Mogol che invasero il nord non arrivarono a disturbare i regni dravidici del sud, e quindi l'architettura e l'arte originarie indù poterono essere perfettamente preservate dalle dinastie che si succedettero nel tempo.



KERALA   ^

La storia del Kerala è collegata in modo stretto al suo commercio che, fino a tempi recenti, ruotava attorno al mercato delle spezie. Conosciuta come la Costa delle Spezie dell’India, l’antica Kerala ospitava viaggiatori e commercianti da tutto il mondo, inclusi i greci, i romani, gli arabi, i cinesi, i portoghesi, gli olandesi e i britannici. Quasi tutti hanno lasciato la loro impronta su questa terra in qualche maniera: architettura, cucina, letteratura.

Situato alla confluenza di tre fiumi di montagna – Muthirapuzha, Nallathanni e Kundala, ad un’altezza di 1600m, il rifugio di montagna di Munnar è stato l’alloggio estivo della precedente amministrazione britannica in India del sud. Tutta la zona è segnata da vaste distese di piantagioni di tè, bungalow coloniali, piccoli fiumi, cascate ed è caratterizzata dal clima mite.