San Galgano

Situato in Toscana, tra Siena e Grosseto, appena al di là delle colline Mersesi, il complesso composto dall'Eremo (o Rotonda) di Montesiepi e dalle rovine della grande Abbazia Circestense di San Galgano è uno dei più suggestivi che si trovano in Italia.
Nell'Eremo di Montesiepi si trova, infissa nella roccia, la spada di San Galgano.

L'Eremo di Montesiepi fu edificato tra il 1182 ed il 1185 sulla sommità del colle sul quale San Galgano si ritirò in eremitaggio, dove visse i suoi ultimi anni di vita, e proprio lì dove aveva infisso la Sua spada nella roccia, a significare l'abbandono definitivo delle armi per dedicarsi allo spirito.
Montesiepi fu, quindi, la prima tomba del santo, che fu sepolto a nord della spada come a poter vedere, attraverso la porta di ingresso, il bordo di Chiusdino.
La costruzione della Grande Abbazia a valle, a circa 500 metri di distanza, fu iniziata attorno al 1220, e durò fino all'anno 1268, quando venne ufficialmente consacrata dal Vescovo di Volterra, Alberto Solari.
Per un secolo l'Abbazia visse anni di grande splendore, fino a che la sventurata pratica della Commenda non la portò a decadere anno dopo anno. Un esempio ne semplifica la triste storia: nel 1550 il Commendatario Girolamo Vitelli arrivò a vendere (dopo i gioielli e chissà cosa altro) il tetto in piombo.
Nonostante alcuni tentativi di ripristinare il Convento, alla fine nel 1789 - dopo che l'Eremo di Montesiepi fu elevato a Pieve - la grande abbazia venne sconsacrata e lasciata definitivamente alla rovina.

IMMAGINI